Nove Angoli Segreti di Madrid

Se pensate di conoscere Madrid come le vostre tasche tanto da considerare che la città non abbia più segreti per voi, questo post fa al caso vostro.

I nostri esperti locali hanno stilato questa lista che raccoglie i posti speciali e le esperienze da vivere assolutamente, che senza dubbio vi aiuteranno a conoscere Madrid in una forma differente. E non dimenticate che cil nostro tour  “Madrid Città Vecchia” sarete guidati nella parte storica di Madrid e conoscerete fatti interessanti, leggende e curiosità 😉

Lavapies

Senza dubbi il quartiere dei Lavapiés rappresenta il distretto più cosmopolita e multiculturale di Madrid. A partire dalla fine degli anni 80 questo quartiere ha attirato una quantità incredibile di immigranti, grazie agli affitti economici. Questo ha fatto in modo che la natura del quartiere cambiasse diventando il luogo in cui si instaurarono una gran quantità di negozi e commercianti specializzati in prodotti esotici impossibili da trovare in qualsiasi altra parte di Madrid.

Chiaramente non possono mancare i ristoranti indiani, libanesi, pachistani, cinesi, marocchini, curdi, senegalesi, ecc., le opzioni sono quasi infinite. Se vi piace la cucina indiana vi raccomandiamo il ristorante Raja Mahal (indirizzo: Calle Ave Maria, 15), uno dei nostri preferiti a Madrid.

Indirizzo: Quartiere Lavapies
Metropolitana: Lavapies (linea 3)

Il quartiere Lavapiés
Il quartiere Lavapiés combina la tradizione con il multiculturalismo / Foto: boklm (Flickr / C.C.)

Mangiare lo stomaco dell'agnello

Lo stomaco dell’agnello lattante fritto nel suo grasso (“gallinejas” secondo i locali) è uno dei piatti più tradizionali di Madrid. Dopo averlo provato potrete considerarvi degli autentici cittadini di Madrid.

Nonostante essere un piatto tipico con una storia di vari secoli le “gallinejas” sono sempre meno richieste. Fortunatamente esistono ancora luoghi, chiamati in gergo locale “castizos” che definisce i posti tipici, dove potrete provare un’autentica “gallinejas”. Il nostro posto preferito è la Freiduría de Gallinejas Embajadores (indirizzo: calle Embajadores 80), dove oltre alle “gallinejas” incontrerete altri piatti tipici come le “mollejas” (midollo di agnello) o i “chorrillos” (muscolo del collo dell’agnello). Assolutamente delizioso!

Mangiare lo stomaco dell'agnello a Madrid
“Gallinejas” (stomaco dell’agnello) è uno dei piatti preferiti dei “madrileños” / Foto: Wikipedia (C.C.)

Visitare un mercato tipico

Sono poche le cose a Madrid che possono definirsi tipiche come i suoi mercati. Nonostante la fama e la popolarità dei centri commerciali attiri sempre più visitatori, agli abitanti di Madrid piace da sempre visitare i mercati tipici. Ci sono vari esempi di mercati tipici in cui i cittadini fanno i loro acquisti in prossimità del centro della città.

Una delle cose che più sorprende i visitatori stranieri è l’ampia scelta di pesce, infatti il mercato di Madrid e secondo solo a quello di Tokio (Giappone) per la quantità di pesce venduto. Vi raccomandiamo il “Mercado de Santa María de la Cabeza” (indirizzo: Paseo de Santa María de la Cabeza 41), il “Mercado de Antón Martín” (indirizzo: Calle Santa Isabel 5) e il “Mercado Barceló” (indirizzo: Calle Barceló 6).

Il Mercado de La Cabeda, uno dei più antichi di Madrid ,si trova molto vicino a Plaza Mayor/ Foto: Flickr (etringita / C.C.)

Parque de El Capricho

Nonostante sia una grande città Madrid può vantare numerose zone verdi dove riposarsi e godere del clima mite; questo parco tuttavia è un luogo sconosciuto incluso per molti cittadini.

Complessivamente il parco si sviluppa su 14 ettari in cui abbondano vari tipi di piante e vegetazione, tempi, sculture, ecc. L’origine di questo parco rimonta al secolo XVIII quando i Marchesi di Osuna progettarono questo spazio per organizzare feste alle quali assisteva l’aristocrazia e i personaggi di spicco dell’epoca.

 

Indirizzo:  Paseo de la Alameda de Osuna, 25
Prezzo: entrata libera
Metropolitana: El Capricho (linea 5)

Il parco Capricho, con 14 ettari, è uno dei polmoni della città / Foto: Wikipedia / C.C.

Faro di Moncloa

Questa torre impiegata per le comunicazioni è stata convertita in belvedere (grazie ai suoi 110 metri di altezza) dal quale si può ammirare il miglior panorama sulla città (guarda il video). Da qui infatti si possono distinguere i differenti distretti e i monumenti più emblematici di Madrid: dai grattacieli del centro finanziario al Palacio real o alla Plaza de España. Nei giorni sereni si può arrivare a vedere il Monasterio del Escorial che dista 50 chilometri.  

Per maggiori informazioni visita il nostro post Il Faro de Moncloa 

Indirizzo:  Avenida Memoria, 2
Prezzo Faro di Moncloa: 3€
Metropolitana: Moncloa (linee 3 e 6)

Bodega de los Secretos

Nel cuore stesso di Madrid si nasconde una cantina, con 400 anni di storia, convertita in un ristorante in grado di deliziare ogni buon amante del vino. I padiglioni dove si immagazzinavano le botti di vino sono stati convertiti in luoghi appartati per i visitanti. Ciò fornisce una sensazione unica d’intimità e riservatezza. Ma la sua fama non si basa tutta sul vino, la cucina è veramente squisita ed offre piatti tradizionali spagnoli con un tocco moderno. Altamente raccomandabile.

L’origine di questa cantina risale al secolo XVII quando in questo luogo viveva un locandiere che vendeva vino ai vicini del quartiere. Circa un siglo più tardi la Congregación de San Felipe Neri comprò il terreno e ampliò il locale. Nei secoli successivi gli edifici furono distrutti, ma la cantina è rimasta intatta fino ai nostri giorni.

Indirizzo: Calle de San Blas, 4
Prezzo medio del ristorante: tra 40 e 50 euro a persona
Metropolitana: Estación del Arte o Antón Martín (linea 1)

Ristorante romantico a Madrid
Questo ristorante è il luogo perfetto per una serata romantica / Foto: Bodega de los Secretos

"Chulapo" per un giorno

Non potete considerarvi dei veri cittadini di Madrid se non vi siete mai vestiti da “chulapo” (abito tradizionale) né avete ballato un “chotis” (danza tipica). L’abito maschile è costituito da dei pantaloni di tela neri, una camicia bianca, un gilet di colore grigio con un garofano all’occhiello, un foulard bianco attorno al collo e la famosa “parpusa” (cappello di tela tradizionale). L’abito femminile è composto da un vestito lungo a pois, un foulard che ricopre la testa, un garofano e uno scialle Manila.  Se volete acquistare un abito tradizionale di Madrid o qualcuno dei suoi accessori vi consigliamo il negozio Maty (indirizzo: Calle de las Hileras 7).

Normalmente i cittadini di Madrid si vestono da “chulapo” nei giorni festivi, specialmente il 15 maggio (giorno in cui si commemora San Isidro, protettore della città), il 15 agosto (giorno della Virgen de la Paloma – Vergine della Colomba) e il 9 novembre (giorno de la Virgen de la Almudena, Vergine protettrice di Madrid). Durante questi giorni per le vie della città si celebra una vera festa: i balconi delle case si adornano, i tradizionali venditori di dolci (“barquillos”) occupano le vie principali e i cittadini ballano il “chotis” nelle piazze del centro.

persone in costumi tradizionali a Madrid
Nei giorni festivi è facile trovare persone in costumi tradizionali / Foto: Alex Bikfalvi (Flick / C.C.)

Chamberi: stazione fantasma

Questa posto rappresenta uno dei nostri assi nella manica quando vogliamo sorprendere qualcuno durante la visita a Madrid. La fermata del metro fu costruita nel 1920 e rimase operativa fino al 1966, anno in cui fu chiusa.

Per quasi 40 anni la stazione è rimasta chiusa e completamente abbandonata, in una sorta di trappola temporale. Per miracolo infatti si sono conservati intatti i cartelli pubblicitari dell’epoca, le biglietterie, le piastrelle antiche e perfino il marciapiede della stazione con tutti i suoi elementi originali. Senza ombra di dubbio rappresenta un autentico tesoro per i turisti.

Da qualche anno è stata aperta al pubblico dal comune di Madrid come stazione museo. Grazie a questa iniziativa i turisti possono quindi esplorare questa stazione della metro originale degli anni 60 come se fossero stati portati da una macchina del tempo.

Indirizzo: Plaza de Chamberí s/n
Prezzo: entrata libera
Metropolitana: Iglesia o Bilbao (linea 1)

Cosa-visitare-a-Madrid-Estacion-Fantasma-Chamberi (1)
Questa vecchia stazione della metropolitana è anche popolarmente conosciuta come la stazione fantasma / Foto: Antonio Tajuelo (Flick / C.C.)

L'angelo caduto

Madrid possiede il misterioso onore di ospitare l’unica scultura al mondo dedicata al demonio. Fu collocata alla fine del secolo XIX nel Parque del Retiro e da allora è diventata una delle attrazioni più enigmatiche di Madrid.

Come se non bastasse la statua è posizionata ad un’altezza di 666 metri sul livello del mare. Per queste sue caratteristiche il luogo che ospita la statua veniva usato da sette sataniche per rituali e sacrifici, cosa che obbligò la chiusura del parco durante notte.

Indirizzo: Parco del Retiro
Prezzo: entrata libera
Metropolitana: Retiro (linea 2) o Estación del Arte (linea 1)

Cosa visitare a Madrid Parco El Retiro
L’angelo caduto (Parco del Retiro) Foto: OgoTours

Misure di prevenzione per il Covid-19. Cosa facciamo per mantenere la sicurezza?

GRUPPI PIÙ PICCOLI
(max 10 persone)

Durante l'epidemia di Covid-19 abbiamo ulteriormente ridotto le dimensioni dei nostri gruppi. Tutte le nostre visite guidate hanno un limite massimo di 10 persone.

USO OBBLIGATORIO DELLE MASCHERINE

Tutti i partecipanti, così come le nostre guide, devono indossare la mascherina durante tutto il percorso.

DISTANZA SOCIALE (2 METRI)

Offrendo gruppi ridotti (massimo 10 persone) siamo in grado di far rispettare la distanza sociale raccomandata di almeno 2 metri.

Gel idroalcolico

Offriamo gel idroalcolico disponibile su tutto il percorso per mantenere una buona igiene delle mani.

Guide munite di microfoni

Tutte le nostre guide sono dotate di microfono e amplificatore della voce. Ciò consente di ascoltare chiaramente mantenendo la distanza sociale raccomandata (2 metri).

Eliminazione della carta

Abbiamo eliminato l’utilizzo dei documenti cartacei in tutto il processo di registrazione. Non è quindi più necessario stampare la conferma. La guida sarà in grado di identificare la vostra prenotazione solo attraverso il vostro nome e cognome.